Nuova Agraria
icoLyoness icofacebook

Cocciniglia "mezzo grano di pepe"

cocci2La cocciniglia rappresenta un danno per l’olivo sia per la sottrazione di linfa che viene effettuata, sia perché tale attività produce indirettamente la tipica “fumaggine” che è un insieme di funghi nerastri che si trovano sulle foglie. Le forme giovani giallastre chiamate neanidi si trovano al di sotto delle foglie o sui rametti soprattutto in estate. Insetti utili predatori :
• Scutellista (si nutre delle uova dell’insetto adulto)
• Metaficus ( si nutre delle neanidi)
Si combatte con oli minerali bianchi da soli o attivati con esteri fosforici (2 trattamenti) nei mesi di luglio ed agosto, quando maggiore è la produzione sull’albero di forme giovani di neanidi. Attenzione a raggiungere uniformemente con la miscela antiparassitaria, tutte le foglie. In questo caso serve un atomizzatore ben funzionante! In autunno il trattamento è inefficace perché si trovano neanidi o le forme adulte che sono molto più resistenti agli antiparassitari. Per prevenire, potare l’albero regolarmente e concimare senza eccessi di azoto. Se si trascura la lotta alla cocciniglia sulle foglie cosparse di sostanza zuccherina si sovrappongono dei funghi saprofiti che formano “fumaggine”. Questo è il danno indiretto dell’insetto che accentua quello diretto costituito dalla sottrazione della linfa.